No anagrafe.Madre Lgbt,'mi autodenuncio'

"Mi sono autodenunciata ai carabinieri per aver dovuto dichiarare un falso in atto pubblico, pena privare mia figlia di un'identità civile, con la conseguenza di nessun nome, cognome o codice fiscale". Sara, madre da pochi giorni, è una donna piacentina lesbica, unita civilmente con Irene. Ed è grazie alla fecondazione con donatore anonimo in Spagna, che ha dato alla luce una bimba. Rientrate a Piacenza, si sono viste rifiutare dall'anagrafe comunale la registrazione della piccola. "Il Comune afferma che se Sara vuole essere riconosciuta come madre - spiega l'avv.Alexander Schuster di Trento, alle spalle altre cause Lgbt - deve dichiarare di aver avuto un rapporto sessuale con un uomo e garantire che questo non è parente né affine. Dovrebbe dichiarare il falso. L'ufficiale di stato civile si è rifiutato di ricevere il riconoscimento di entrambe le madri e ha rifiutato un atto di nascita per una bambina nata da fecondazione assistita. Scaduti i 10 giorni di legge, l'anagrafe ha negato la registrazione".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Il Piacenza
  2. Piacenza 24
  3. Il Piacenza
  4. Il Piacenza
  5. Il Piacenza

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Vigolzone

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...